BOLLETTINO PER LE FARMACODIPENDENZE E L'ALCOOLISMO

ANNO XXI 1998, supplemento al no 1

MINISTERO DELLA DIFESA

Direzione Generale della Sanità Militare
Diffusione del Consumo di Sostanze Stupefacenti-Psicotrope e Condizione Giovanile in Italia.
Un’indagine sui diciottenni alla visita di leva
Roma, marzo 1997

 

 

Rapporto preliminare. Parte relativa ai consumi alcolici

 

(Omissis)

3. Famiglia, scuola e lavoro

3.1 Residenza dei soggetti intervistati

Famiglia, scuola e lavoro sono state fra gli argomenti più accuratamente investigati nel corso dell’indagine compiuta. Dei 34.933 soggetti intervistati il 43,0% risiede nell’Italia settentrionale, il 17,3 in quella centrale e infine il 39,7 nel Mezzogiorno. Questa distribuzione è quasi coincidente con la stima Istat dei maschi di età 18-19 anni alla fine del 1994: il 39,7% risultava residente nell’Italia settentrionale, il 17,7 in quella centrale e il 42,5 nel Mezzogiorno. Nell’ipotesi che la stima sia corretta, nel nostro campione risulterebbe quindi leggermente sottostimata quest’ultima ripartizione e, molto meno, quella centrale; sovrastimata quella settentrionale (Tab. 1).

 

Tabella 1. Distribuzione percentuale per grandi aree geografiche degli intervistati in base alla residenza al momento dell’intervista (1993-1994)

 

Indagine Ministero Difesa

ISTAT 1994

Italia Settentrionale

43,0

39,7

Italia Centrale

17,3

17,7

Sud e Isole

39,7

42,5

 

3.2 Composizione e condizioni economiche della famiglia di origine

La struttura della famiglia dei giovani alla visita di leva è perfettamente in linea con le risultanze Istat in tema di famiglie, sia quelle che derivano dal censimento della popolazione, sia quelle che derivano dalle indagini campionarie multiscopo.

La quasi totalità dei giovani (98,8%) vive con la propria famiglia di origine, in una proporzione del tutto simile nelle tre grandi ripartizioni.

 

(Omissis)

 

5.2 Il consumo di alcolici

Circa il 47% dei giovani intervistati consuma, in diversa misura, bevande alcoliche e la birra è di gran lunga preferita al vino. Un diciottenne su cinque (il 21% del campione) beve almeno un po’ di vino ogni tanto ma la percentuale di coloro che bevono birra sale al 37,5% del campione. Per quanto riguarda i superalcolici, la percentuale di consumatori è solo di poco inferiore (19,3% del campione) a quella di consumatori di vino. Infine, il 10,8% consuma altre bevande alcoliche.

L’abuso di alcool riguarda una piccola minoranza degli intervistati se si considera che l’1,7% beve più di ½ litro di vino al giorno, il 2,4% più di tre birre al giorno e l’1,5% consuma giornalmente superalcolici. (Tab. 20).

 

Tabella 20. Consumo di alcolici*

 

Valori assoluti

% sui consumatori

% sul campione

Vino

meno di ½ litro al giorno

6.559

91,9

19,3

oltre ½ litro di vino al giorno

577

8,1

1,7

Totale

7.136

100,0

21,0

Birra

meno di tre birre al giorno

11.901

93,6

35,1

oltre 3 birre al giorno

813

6,4

2,4

Totale

12.714

100,0

37,5

Superalcolici

ogni tanto

6.037

92,1

17,8

tutti i giorni

517

7,9

1,5

Totale

6.554

100,0

19,3

Altre bevande alcoliche      
si

3.656

22,8

10,8

no

12.346

77,2

 
Totale

16.002

100,0

10,8

Totale consumatori

16.002

100,0

47,2

* (possibili più risposte)

Risposte mancanti:1.018