BOLLETTINO PER LE FARMACODIPENDENZE E L'ALCOOLISMO

Rassegne Bibliografiche & Recensioni

A San Francisco aumentano i casi di infezione da HIV e di gonorrea rettale fra gay e bisex.
JOHN M. GLIONNA, HIV Rate Rising Among Gay Men in S.F., 25 gennaio 2001, Los Angeles Times http://www.latimes.com/

L'allarme riguarda non solo la città californiana, capitale della cultura gay, ma anche altre città degli USA.

Secondo i dati raccolti da un gruppo di ricercatori e di esperti di AIDS, a San Francisco i nuovi casi di infezione da HIV tra gay tossicodipendenti nel 1997 erano l'1,99% mentre attualmente sono il 4,6%.

Nello stesso periodo, tra i gay ed i bisex vi è stato un raddoppio delle sieroconversioni che sono salite da 1,04% nel 1997 a 2,2% nel 2000. Notevole è stato anche l'aumento delle malattie a trasmissione sessuale, soprattutto della sifilide e della gonorrea rettale, che solo a San Francisco è cresciuta del 44% fra il 1997 ed il 2000.

Il gruppo di età più colpito è quello compreso fra i 25 ed i 35 anni. Si tratta di gay non giovanissimi che hanno vissuto l'epoca precedente l'introduzione delle terapie intensive HAART: in diversi casi, infatti, si sono riscontrate anamnesi di un precedente utilizzo di sistemi preventivi (sesso sicuro) in seguito però abbandonati con la falsa sicurezza che ormai l'infezione da HIV sia controllabile e che dunque non valga la pena usare precauzioni.

Dal punto di vista epidemiologico, del resto, era già stato messo in evidenza come la maggiore sopravvivenza assicurata dalle nuove terapie avrebbe allargato il bacino del contagio. Si rendono, pertanto, assolutamente necessari ed urgenti sforzi educativi intensi volti a contrastare questa tendenza.